L’amnistia di Londra riapre le ferite del Nord Irlanda

Avvenire, 6 gennaio 2024



“L’eredità dei Troubles resta una ferita aperta e un rimedio universale non esiste. Servono onestà, integrità e compassione. La riconciliazione richiede il ripristino delle relazioni, una paziente ricostruzione della fiducia basata sul coraggio di dire la verità, oltre a una grande tolleranza. Ma questa legge va in senso esattamente contrario e non farà altro che acuire le divisioni all’interno della società”. I due vescovi primati della chiesa d’Irlanda, il cattolico Eamon Martin e l’anglicano John McDowell, avevano lanciato l’allarme alcuni mesi fa in un documento congiunto, esprimendo grande preoccupazione per la nuova legge di amnistia con la quale Londra intendeva chiudere i conti con il doloroso passato dell’Irlanda del Nord. Ma le loro voci, come quelle della società civile e dei partiti dell’intera isola d’Irlanda, sono rimaste del tutto inascoltate.
Dopo un tormentato percorso legislativo durato quasi tre anni la Camera dei Comuni ha approvato in via definitiva il Northern Ireland Troubles (Legacy and Reconciliation) Act respingendo gli ultimi emendamenti proposti dai Lord.
Continua a leggere “L’amnistia di Londra riapre le ferite del Nord Irlanda”

L’arte sospesa sul ponte di Mostar

Avvenire, 10 novembre 2023

da Mostar (Bosnia Erzegovina)


Da quassù, il Ponte vecchio abbattuto trent’anni fa e poi ricostruito non si vede. Lo Stari Most rimane nascosto in mezzo a un groviglio di antiche case ottomane del centro. All’ultimo piano dell’edificio abbandonato della Staklena banka c’è però la miglior visuale dall’alto su Mostar. Da qui si può esplorare attentamente quella parte del centro cittadino che non è stata ancora ricostruita. Osservare le ferite e le contraddizioni di un contesto urbano che è metafora delle persistenti divisioni sociali. I mostarini lo chiamano ancora “il palazzo di vetro”, anche se non c’è più alcuna traccia delle sue gigantesche vetrate blu. Sono saltate in aria tutte durante la guerra. Una decina di piani, circa trenta metri d’altezza, un profilo appuntito audace e avveniristico.
Continua a leggere “L’arte sospesa sul ponte di Mostar”

A Gaza un genocidio sotto i nostri occhi


Il 28 ottobre 2023, Craig Mokhiber, già direttore dell’Ufficio di New York dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani presso le Nazioni Unite, si è dimesso dal suo incarico. Nella lettera riportata integralmente qui sotto, l’alto funzionario Onu spiega le ragioni del suo addio. Ripresa da importanti testate della stampa anglosassone come il Washington Post o The Guardian, ma quasi del tutto ignorata dai principali media italiani.


Continua a leggere “A Gaza un genocidio sotto i nostri occhi”

La pagina nera della Georgetown

Avvenire, 6 novembre 2023


Il sacrificio della famiglia Mahoney si consumò in un cupo giorno d’autunno del 1838. Al molo della città di Alexandria, in Virginia, centinaia di persone furono caricate con la forza sull’enorme nave di schiavi Katherine Jackson diretta a New Orleans, nel profondo sud. Uomini e donne di tutte le età allontanati dai loro cari e venduti come oggetti, tra le grida dei bambini strappati dalle braccia delle loro madri. Anny Mahoney vide il suo mondo andare in pezzi per sempre, la sorella e i due figli, Arnold Jr. e Louisa, destinati alle lontane piantagioni di cotone della Louisiana.
Continua a leggere “La pagina nera della Georgetown”

L’anima della Grecia si innalza su Skiathos

Avvenire, 29 settembre 2023


È passato quasi un secolo da quando un giovane poeta greco approdò per la prima volta nell’allora remota e quasi sconosciuta isola di Skiathos, la più piccola dell’arcipelago delle Sporadi, affacciato sul mar Egeo. Fece amicizia con i pescatori e con i maestri d’ascia dei cantieri navali, restando ammaliato dalla bellezza e dalla semplicità di un paesaggio che avrebbe segnato profondamente la sua opera. Quel poeta si chiamava Giorgos Seferis e nel 1963, molti anni dopo quella visita, si sarebbe aggiudicato il premio Nobel per la letteratura. Oggi però stenterebbe forse a riconoscerla quell’isola, poiché nel frattempo le rotte aeree low cost l’hanno trasformata in una delle mete del turismo marittimo europeo e gran parte dei visitatori non sanno quanto sia ricca di storia e di spiritualità.
Continua a leggere “L’anima della Grecia si innalza su Skiathos”

L’ex casco blu olandese al memoriale di Srebrenica: “chiedo perdono”

Avvenire, 18 settembre 2023


Quando il memoriale del genocidio di Srebrenica fu inaugurato da Bill Clinton, il 20 settembre 2003, l’auspicio era che favorisse la costruzione di una memoria condivisa e incoraggiasse il ritorno dei bosniaci musulmani nei luoghi da dove erano stati scacciati dopo una feroce pulizia etnica. Ma a distanza di vent’anni non restano altro che speranze tradite, memorie vilipese e sensi di colpa. La più terribile tragedia europea dai tempi dell’Olocausto avvenne proprio qua, lungo la valle della Drina, le cui acque segnano il confine tra la Bosnia e la Serbia.
Continua a leggere “L’ex casco blu olandese al memoriale di Srebrenica: “chiedo perdono””

Bosnia, una legge per le vittime degli stupri di guerra

Avvenire, 30 agosto 2023


Ci sono voluti anni di battaglie legali, di petizioni e iniziative di protesta. Oltre alla caparbietà di chi non si è mai voluto arrendere di fronte a una colossale ingiustizia. Alla fine, però, i “figli dimenticati” della guerra di Bosnia hanno vinto: sono riusciti a farsi riconoscere come categoria sociale e giuridica, a far valere i loro diritti, forse persino a tracciare un percorso replicabile in altre parti del mondo. Trent’anni dopo la guerra che sconvolse i Balcani, la nuova legge approvata dal parlamento della Federazione di Bosnia-Erzegovina riconosce per la prima volta i bambini nati dagli stupri e le donne che subirono violenza come vittime civili di guerra, offrendo loro la possibilità di scegliere tra una pensione di invalidità e un assegno mensile di assistenza.
Continua a leggere “Bosnia, una legge per le vittime degli stupri di guerra”

Addio a Marko Vešović, il poeta resistente

Avvenire, 19 agosto 2023


Se n’è andato ieri all’età di 78 anni Marko Vesovic, uno degli ultimi grandi intellettuali dell’ex Jugoslavia, il poeta che combatté con i versi per difendere l’anima di Sarajevo di fronte al feroce assedio degli anni ‘90. Durante la guerra avrebbe potuto lasciare la città ma scelse di non andarsene e di continuare a stare dalla parte delle vittime, perché la sua presenza e la sua scrittura infondevano coraggio e speranza ai sarajevesi. Per anni era stato docente di estetica all’università, editorialista e critico dei principali quotidiani bosniaci e montenegrini, autore di una trentina di libri in poesia e prosa.
Continua a leggere “Addio a Marko Vešović, il poeta resistente”

La nuova rispettabilità dei produttori di armi

Avvenire, 9 luglio 2023


Sembra trascorso un secolo da quando il parlamento italiano, anche in seguito alle pressioni della Rete italiana pace e disarmo, bloccava definitivamente l’esportazione in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti di circa ventimila bombe prodotte dalla Rwm Italia di Domusnovas, nel sud della Sardegna. Eppure accadde appena due anni fa, nel 2021. Poi qualcosa è cambiato, e una deriva etica favorita dal ritorno della guerra in Europa sta diffondendo sempre più la percezione che esistano armi “buone”. Che produrle ed esportarle verso paesi responsabili di massacri e crisi umanitarie sia un business come un altro. Continua a leggere “La nuova rispettabilità dei produttori di armi”