Il Tibet come Tien an Men (ma i politici e il Papa non se ne sono accorti)

tien5.jpg

1989 – 2008

tibet2.jpg Mentre il governo cinese massacra i tibetani, i politici italiani si azzuffano sulle solite beghe da repubblica delle banane. E la politica estera continua a rimanere fuori da una campagna elettorale troppo occupata a parlare di Ciarrapico o di Calearo. Non una parola sui fatti di Lhasa è giunta ancora da Benedetto XVI. I politici di ogni colore e anche il Papa non hanno il coraggio né l’interesse di prendere una posizione nei confronti di quanto sta accadendo in Tibet. Il loro silenzio assordante assomiglia a quello che ci fu nel 1989, in occasione del massacro di piazza Tien an Men. Fare affari con la Cina, si sa, è troppo importante. E questa estate tutti davanti al televisore ad ammirare le coreografie dell’inaugurazione dei giochi olimpici di Pechino. I cerchi olimpici di quest’anno grondavano sangue anche prima che iniziasse la repressione di questi giorni. Ma adesso ci sarebbe un motivo in più per boicottarli. E quando si parla di diritti umani e repressione della democrazia, gli Stati Uniti dimostrano come sempre di essere i più avanzati, nonché i più originali di tutti: per una tragica ironia del destino, solo pochi giorni che iniziasse il massacro in Tibet un rapporto del Dipartimento di Stato Usa ha tolto la Cina dalla “lista nera” dei paesi che violano massicciamente i diritti umani.

Il governo cinese ha anche bloccato l’accesso a Youtube dopo che sul sito erano apparse immagini delle violenze in Tibet. Chi voglia accedervi dal territorio cinese, trova solo uno schermo bianco e l’indicazione di ‘errore’.

Impossibile dunque, vedere filmati come questo qui:

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=SBhhOPXMCFk&hl=en]

Un commento su “Il Tibet come Tien an Men (ma i politici e il Papa non se ne sono accorti)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.