Archivi tag: troubles

Belfast e i rischi di una “pace fredda”

Due morti, quattro feriti e un processo di pace ormai consolidato che torna (almeno potenzialmente) in discussione è il tragico bilancio dell’attacco messo a segno sabato sera dal gruppo repubblicano dissidente Real I.R.A. alla base militare britannica di Massereene, nella contea di Antrim. Belfast e l’Irlanda del nord sono tornate così prepotentemente – e inopinatamente – in prima pagina, facendo sollevare addirittura dubbi sulla tenuta di un percorso di pacificazione ritenuto esemplare fino ad appena tre giorni fa. Perplessità, queste, che ci sembrano completamente fuori luogo: le lancette della Storia, a Belfast, non torneranno indietro di 15 o 20 anni, perché proprio in questo periodo la crescita economica nella (ex?) provincia britannica ha portato quel benessere che costituisce un’affidabile garanzia di pace per il futuro. Ma se l’attentato di Massereene non è senz’altro sufficiente a far temere un ritorno al passato, quanto accaduto sabato sera può costituire un brusco risveglio per chi aveva dato ormai per conclusa la partita del conflitto anglo-irlandese. È vero, l’esercito di Sua Maestà non perdeva un uomo in Irlanda dall’ormai lontano 1997 e Mark Quinsey e Patrick Azimkar, i due soldati poco più che ventenni del 38esimo reggimento del Genio freddati dai colpi della Real I.R.A. sono i primi militari inglesi ammazzati dopo la firma dell’Accordo del Venerdì Santo (1998). Tuttavia, né il definitivo disarmo dell’I.R.A. (datato 2005), né la parziale smobilitazione delle postazioni militari inglesi, né l’implementazione di uno storico governo bipartisan sono riusciti a sciogliere una serie di nodi politici cruciali che restano tuttora fatalmente irrisolti. A dispetto del trionfalismo da anni ostentato dai politici, quella irlandese continua purtroppo a essere una pace “fredda”, a causa dell’odio ancora profondamente radicato nelle sei contee dell’Ulster britannico, retaggio indistruttibile di lunghi secoli di giogo inglese. Ed è anche una pace senza giustizia, perché continua a mancare qualsiasi verità giudiziaria sugli innumerevoli casi di collusione come gli assassini degli avvocati Finucane (1989) e Nelson (1999) o del giornalista O’Hagan (2001), solo per citarne alcuni. Così come senza colpevole rimangono sia gli “omicidi di stato” commissionati da Londra a partire dalla metà degli anni ’70 che il famigerato eccidio compiuto a Derry, l’ultima domenica di gennaio del 1972. I mandanti del massacro, in quest’ultimo caso, restano ancora misteriosamente ignoti anche dopo la conclusione dell’inchiesta più costosa della storia giudiziaria britannica. Non può dunque stupire, in questo quadro, che trovino ancora spazio di manovra piccoli gruppi dissidenti composti da giovani reclute come la Real I.R.A.. Incapaci di far ripiombare l’Irlanda del nord nel caos, ma comunque in grado di esprimere un disagio che suona ormai anacronistico, e di uccidere.
RM

Da quella marcia nacquero i “Troubles”

Quarant’anni fa, il 5 ottobre 1968, finì nel sangue una marcia per i diritti civili fissata a Derry, in Irlanda del nord. I manifestanti, perlopiù appartenenti ai ghetti cattolico-nazionalisti della città, chiedevano case, lavoro, uguaglianza e la fine della brutale discriminazione che li rendeva cittadini di serie B rispetto ai protestanti unionisti. Lo staterello artificiale creato dagli inglesi (l’Irlanda del nord) li aveva privati anche del diritto di voto, dunque la loro protesta era più che sacrosanta. La risposta britannica fu però una spietata repressione: la polizia del nord Irlanda – la famigerata R.U.C. – attaccò il corteo con gli idranti, poi assalì i manifestanti a manganellate. Gli storici concordano nell’individuare proprio in quel giorno – 5 ottobre 1968 – la scintilla che dette avvio ai cosiddetti “Troubles” (disordini). Anche le parole sono estremamente importanti per determinare e indirizzare un percorso coloniale: ‘troubles’ è il termine che viene comunemente usato per descrivere la fase moderna del conflitto anglo-irlandese. Nel suo essere riduttivo e sprezzantemente eufemistico, questo è senz’altro un termine neocoloniale, ideato per gettare fumo negli occhi dell’opinione pubblica internazionale. Che tuttora resta in parte convinta che il conflitto che ebbe luogo nei successivi trent’anni  in Irlanda del nord sia stato di natura tribale, o addirittura una guerra di religione (sic!). Grazie ai potenti mezzi della propaganda britannica, l’obiettivo del travisamento della realtà è stato così pienamente raggiunto. Fino al 1998 in Irlanda del nord ha avuto luogo invece un conflitto a bassa intensità tra una potenza militare occupante, la Gran Bretagna, e un popolo che ha cercato con ogni mezzo di respingerla. L’ultima terribile fase della tragedia del popolo irlandese, diviso al proprio interno attraverso il trasferimento coatto di coloni avvenuto a partire dal XVII secolo e la creazione di una maggioranza artificiale, utile per mantenere un dominio coloniale a distanza. Proprio quello che i latini avrebbero definito “divide et impera”. Il 40esimo anniversario della marcia di Derry viene commemorato, oggi e domani, con una conferenza internazionale organizzata nel municipio della città dal movimento per i diritti civili.
RM

Una mappa per i murales politici di West Belfast

La prima piantina dettagliata di oltre 130 murales della parte ovest di Belfast è la nuova frontiera del turismo politico in Irlanda del nord. Dopo i sempre più popolari taxi neri usati per portare i turisti a visitare quelli che furono i luoghi del conflitto, dopo i ‘maiali’ (i veicoli blindati dell’esercito inglese) convertiti a mezzi goliardici per feste e cerimonie, ecco arrivare la mappa per orientarsi nel variegato universo artistico dei muri della città. Per ora l’iniziativa riguarda solo l’area nazionalista di West Belfast (la pianta in distribuzione gratuita è stata prodotta dal Failte Feirste Thiar, l’ufficio turistico di Belfast ovest), ma c’è da scommettere che presto nascerà anche la versione ‘bipartisan’. Specie dopo l’avvio del processo di trasformazione in corso in alcuni quartieri unionisti, che ha visto sostituire i murales più violenti e settari con immagini molto più rassicuranti di scrittori (come C.S. Lewis) e personaggi dello sport (come George Best).

“I muri di Belfast”: galleria di foto dei murales della città

Un memoriale per le vittime irlandesi

Quasi quattromila persone (in gran parte civili, e molti bambini) sono state uccise durante il trentennale conflitto anglo-irlandese, a partire dal 1969. Un numero enorme, considerando che si tratta di una popolazione che raggiunge a malapena i due milioni. “Bear in Mind These Dead”, Il nuovo libro della giornalista di Derry Susan McKay esamina la tragica eredità di quegli anni dando voce ai familiari delle vittime, troppo spesso trascurate, raccontando storie fatte di dolore straziante, rabbia, cuori spezzati, ferite nella mente e nel corpo. In alcuni casi anche di perdono. La pubblicazione di questo libro, quantomai opportuna, cade peraltro in un momento storico che vede i vecchi nemici sedere insieme al governo.