Archivi tag: malati di mente

Morta la psichiatra del processo di Norimberga

Alice Ricciardi Von Platen è morta a Cortona alcune settimane fa. Era rimasta uno degli ultimi simboli della Germania che usciva dal nazismo. Nel 1946 prese parte alla Commissione medica del secondo processo di Norimberga, quello che vide salire sul banco degli imputati medici, psichiatri e personale sanitario. Il suo lavoro iniziò a suscitare dibattito in Germania soltanto mezzo secolo più tardi a causa del lungo processo di rimozione cui fu sottoposta la memoria della “soluzione finale”. Soltanto nel 1993, a riunificazione avvenuta, il suo libro “Il nazismo e l’eutanasia dei malati di mente” è stato ristampato ed è cominciato a circolare, divenendo quasi un best-seller.

norimberga.jpg
Il volume (tradotto anche in italiano nel 2000) contiene la più meticolosa e agghiacciante ricostruzione dei crimini compiuti dalla psichiatria nazionalsocialista con il ‘programma di eutanasia’ che ebbe ufficialmente avvio con una breve lettera datata 1 settembre 1939, con la quale Hitler incaricò Karl Brandt, suo medico personale, di operare affinché venisse concessa “la morte per grazia ai malati considerati incurabili”. Nacque così Aktion T4, il piano che dal gennaio 1940 all’agosto dell’anno successivo portò all’eliminazione di circa 70.000 persone tra disabili, malati di mente e malati cronici considerati inguaribili. Per la prima volta i nazisti sperimentarono l’uso delle camere a gas, in una spaventosa prova generale dell’Olocausto. Nel settembre 1941 Aktion T4 venne ufficialmente sospesa ma le uccisioni proseguirono fino alla fine della guerra: almeno altre 120.000 persone vennero uccise nelle cliniche, negli ospedali e negli ospizi con diete di fame, con overdose di tranquillanti e medicinali per uso psichiatrico. Von Platen sintetizzò magistralmente i comportamenti dei medici, spiegando che “nessuna distinzione scientifica veniva fatta tra i malati, tutti ugualmente considerati folli, mentre i cervelli venivano scambiati, per gli esperimenti di frenologia, tra un istituto e l’altro. Nel progetto furono coinvolti un centinaio di medici, fra cui alcuni giovani molto ideologizzati, le nuove leve mediche delle Ss”.
La giovane scienziata aveva frequentato le scuole insieme a uno dei figli di Thomas Mann, Golo (poi diventato uno dei più grandi storici tedeschi), si era laureata in medicina nel 1934 e aveva iniziato a dedicarsi alla psichiatria frequentando gli istituti che accoglievano pazienti affetti da epilessia, schizofrenia e disturbi mentali. Ebbe poi modo di spiegare che l’avevano sempre colpita la diversità e il modo in cui queste persone venivano maltrattate e non considerate malate. Divenne presto allieva di Michael Balint, lo psicanalista ungherese che predicava il recupero del paziente come “persona” e cercava di sensibilizzare i medici alle componenti interpersonali della terapia. Dopo la guerra continuò a lavorare a lungo su follia e pulizia etnica, continuando a battersi contro l’eutanasia e contro la violazione dei diritti dei malati negli ospedali psichiatrici. Fondò istituzioni per la formazione di gruppo analisi in Inghilterra, in Germania e in Ucraina. Dopo aver sposato un italiano cominciò a dividere la sua vita tra Roma e Cortona, dove ha trascorso i suoi ultimi anni lavorando come psicoterapeuta. Accettando sempre – anche negli ultimi anni – di portare la sua preziosa testimonianza a dibattiti, incontri nelle scuole e a seminari sulla psicanalisi.
(Riccardo Michelucci, da “Diario” n 4/2008)