Archivi tag: assedio

Requiem per Sarajevo

Come definire se non struggente, folle e visionaria la vicenda dalla quale ha preso spunto il giovane scrittore canadese Steven Galloway per il suo ultimo romanzo? È il 1992 e durante i primi mesi del lungo assedio di Sarajevo un colpo di mortaio uccide ventidue persone che fanno la coda per acquistare il pane. Dalla sua finestra di casa il violoncellista Vedran Smailović assiste alla strage. Quasi istintivamente scende in strada, si siede sulla voragine aperta dall’esplosione e inizia a suonare l’Adagio di Albinoni (vedi foto sotto). Poi ripete il suo insolito concerto per ventidue giorni, sempre alla stessa ora, sotto il tiro dei cecchini, per onorare i morti di una delle tante stragi che Sarajevo sarà costretta a vivere in quasi quattro anni d’assedio. La gente si ferma ad ascoltare le note del violoncellista che per qualche istante, quasi ipnoticamente, riescono ad allontanare la guerra. Steven Galloway ha costruito “Il violoncellista di Sarajevo”, splendido affresco della città nei primi anni ’90, proprio sullo straordinario lirismo di questa storia. Lo scrittore fa parlare i cittadini assediati, che vivono giornalmente la paura degli attacchi dei cecchini, delle granate e dei cannoni dai monti che circondano la città e si muovono a Sarajevo scoprendo angoli e strade che non avevano mai percorso prima.