Italiani brava gente?

19960711.jpeg


Lidia Santarelli, storica italiana della New York University, ha realizzato un documentario “La guerra sporca di Mussolini”, nel quale fa luce su uno dei tanti crimini italiani dimenticati della Seconda Guerra Mondiale. È l’eccidio di Domenikon del 1943, la piccola Marzabotto di Tessaglia, e fu il primo massacro di civili in Grecia durante l’occupazione delle nostre truppe. Gli uomini della Divisione Pinerolo circondarono il villaggio, rastrellarono la popolazione e la radunarono sulla piazza centrale. Poi i caccia scaricarono bombe incendiarie cancellando cose e persone. Ovviamente il documentario va in onda su History Channel. La Rai, come sempre troppo impegnata tra fiction istituzionali, marchette politiche e intrattenimento-spazzatura, non ha tempo per informare la popolazione su fatti del genere. Per fortuna ne ha parlato L’Espresso.

Brendan O’Regan (1917-2008)

Imprenditore “visionario” e pacifista ante litteram, nel 1979 dette vita a “Cooperation Ireland”, la prima Ong che voleva riavvicinare gli abitanti delle due parti dell’isola attraverso progetti di cooperazione. Mentre il conflitto in Irlanda del nord viveva gli anni più drammatici, lui si convinse che solo creando rapporti costruttivi tra la Repubblica e il nord britannico sarebbe stato possibile promuovere uno sviluppo socio-economico per tutta l’isola, e che questo poteva essere il grande motore della pace. All’epoca sembrò un’impresa utopica, invece col tempo si rivelò rivoluzionaria e lungimirante, tanto da lasciar intravedere quale sarebbe stato il futuro del paese nei decenni successivi.

Nel corso della sua vita O’Regan aveva già mostrato grandi capacità di guardare lontano: nel 1950, da responsabile del servizio ristorazione presso il piccolo aeroporto di Shannon, sulla costa atlantica, trasformò un minuscolo chiosco di alimentari nel primo negozio al mondo che adottò la formula del “duty free”, poi imitata in tutto il mondo. In seguito, mentre i suoi connazionali continuavano ad emigrare, si è dedicato allo sviluppo dell’economia turistica dirigendo l’Ente del turismo irlandese per quindici anni. Da imprenditore, ebbe sempre a cuore lo sviluppo sociale del suo paese. Quando la pace sembrava irraggiungibile, continuava a sostenere che la via della cooperazione avrebbe avuto successo e sarebbe stata un’esperienza utile anche in altre aree di conflitto. Il tempo doveva dargli ragione.

Vent’anni fa, quelle tre esecuzioni a Gibilterra

L’8 marzo 1988 tre cittadini irlandesi, Mairead Farrell, Dan McCann e Sean Savage, furono crivellati di proiettili dalle teste di cuoio britanniche. L’esecuzione sommaria ordinata dal governo di Londra fu compiuta in pieno giorno, in una strada dell’isola di Gibilterra. I tre volontari dell’I.R.A. erano disarmati e le perizie balistiche hanno dimostrato che gli uomini dei Sas non intimarono loro di arrendersi prima di sparare. Sulla vicenda il governo britannico è stato anche condannato dalla Corte europea per i Diritti Umani nel 1995. Il ventennale della morte dei tre giovani viene celebrato con grande commozione in Irlanda del nord.

La fine della Storia in Irlanda del nord

Non potevo non inaugurare questo blog con una notizia che giunge dall’ultima colonia inglese. Tanto piu’ che gli sviluppi di questi ultimi mesi stanno chiudendo gradualmente il cerchio sugli ultimi 40 anni del conflitto anglo-irlandese. Il “Modello Belfast”, come ci ha confermato uno dei protagonisti del processo di pace, rappresenta ormai un esempio virtuoso di risoluzione dei conflitti a livello internazionale. Da mesi i due ex “falchi” delle opposte fazioni Paisley e McGuinness (premier e vicepremier del nord Irlanda) si fanno fotografare sorridenti e felici in giro per il mondo, neanche fossero Sarkozy e Carla Bruni.

mcpaisley2.jpgCon il recente annuncio delle prossime dimissioni dell’ormai ottuagenario Paisley dalla vita politica si sono sprecati i commenti, gli editoriali e i necrologi politici. Ma non potevamo non trasalire nel leggere cosa ha scritto di lui Gerry Adams sul Guardian di ieri

 

il blog di Riccardo Michelucci