L’Olocausto dei bambini ceceni

Già autrice de “Il libraio di Kabul” e tra le più accreditate reporter di guerra d’Europa, la giornalista norvegese Asne Seierstad è tornata in Cecenia, nel disastrato paese dov’era già stata alla fine del 1995, quando da giovane cronista seguì gli eserciti di Yeltsin che avevano appena attaccato Grozny. “Il bambino dal cuore di lupo. Storie dall’inferno della Cecenia in guerra” è il suo drammatico libro a metà tra reportage e racconto letterario appena uscito in edizione italiana per Rizzoli. Di fronte all’incancrenimento di un conflitto che ha ucciso più di centomila civili, Seierstad ha sentito il bisogno di dare un volto alle vittime documentando l’umiliazione di un paese schiacciato dalla politica russa dell’era Putin. Una recensione del libro è uscita qualche giorno fa su “Avvenire”.

C’è un partigiano su Youtube

“La Costituzione italiana? Non va cambiata, va applicata. La libertà? E’ una pianta che va bagnata tutti i giorni”. Il più sincero e commovente video-appello agli elettori, soprattutto a quelli più giovani, non arriva da un candidato, ma da un uomo che in gioventù ha fatto politica a rischio della propria vita. Enio Sardelli detto “Foco”, 82 anni, cieco, è il presidente della sezione A.N.P.I. Oltrarno di Firenze. Avendo fatto la Resistenza, crede fermamente che i valori sanciti nella nostra Carta costituzionale siano sacri e imprescindibili.

E lo ricorda a tutti, con una passione straordinaria.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=581c1pO2dFc]

Chi ricorda le vittime dei regimi comunisti?

Il processo di integrazione europea, ormai da anni aperto ai paesi ex comunisti, rischia di favorire indirettamente un meccanismo di rimozione nei confronti della memoria delle vittime delle dittature filo-sovietiche. In alcuni casi questo atteggiamento è funzionale ai governi in carica, che preferiscono evitare di confrontarsi con un passato tanto recente quanto scomodo. Meno male che a cercare di contrastare questa tendenza ci pensano gli storici, aiutati dall’accesso a nuove fonti archivistiche. È il caso, per esempio, di Stefan Appelius, docente di scienza politica all’università di Oldenburg, che un giorno si è imbattuto quasi per caso in un referto sull’assassinio di un giovane tedesco in Bulgaria. Appelius ha cominciato a indagare e attraverso le interviste ad anatomopatologi e ed ex guardie di frontiera bulgare è riuscito a ricostruire una delle vie verso la libertà.

Secondo le sue ricerche almeno 4500 persone di vari paesi comunisti cercarono di attraversare la frontiera fra la Bulgaria e la Grecia. Almeno un centinaio di essi vennero uccisi. Una coppia di Lipsia nel 1975 venne eliminata con una raffica di colpi sparati a breve distanza: 35 pallottole toccarono a lui, 25 a lei. La polizia bulgara e la Stasi cercarono di catalogare questi omicidi come “incidenti stradali” ma ora le ricerche d’archivio stanno riportando a galla la verità. Quello che emerge dalle ricerche di Appelius è un fenomeno di grandi dimensioni, se si pensa  che furono mille le persone uccise durante i tentativi di lasciare la Germania Est. I caduti nel tentativo di attraversare il muro di Berlino furono 134. Purtroppo, pare che l’attuale governo bulgaro non stia collaborazndo alla ricostruzione dei fatti.
A raccontare questa storia è stato l’International Herald Tribune

 

Tre mesi nella storia del Ruanda

Tra il 6 aprile e il 19 luglio del 1994 un milione di cittadini ruandesi venivano trucidati dagli estremisti appartenenti alla maggioranza Hutu. Sotto gli occhi indifferenti della comunità internazionale che ignorò le invocazioni d’aiuto del Generale Dallaire, comandante della missione di pace dell’Onu, fu compiuto in media un omicidio ogni dieci secondi.

Proprio nei giorni in cui si celebra la Giornata internazionale della Memoria per le vittime del Genocidio del Ruanda, e nonostante la giustizia internazionale stia cercando di fare il proprio corso (come dimostra anche la condanna del prete rifugiato in Italia Don Atanasio Seromba), l’attuale presidente ruandese Paul Kagame ha attaccato i giudici spagnoli che hanno emesso un mandato d’arresto per 40 ufficiali dell’esercito ruandese accusati di aver preso parte al genocidio di 14 anni fa.

Un’iniziativa commemorativa si è svolta oggi a Roma, organizzata dalla Onlus Bene-Rwanda, fondata e diretta da cittadini ruandesi residenti in Italia.

Un capolavoro dimenticato

E’ “Necropoli” di Boris Pahor, un’opera straordinaria sul mondo concentrazionario, cruda e limpida, scritta da chi l’ha vissuto dall’interno in tutta la sua sistematica follia. Il libro è stato riscoperto e ristampato in italiano dall’editore Fazi 41 anni dopo la sua stesura. Boris Pahor, grande scrittore sloveno residente a Trieste, classe 1913, è stato più volte candidato al Nobel per la letteratura. In gioventù è stato deportato nei campi di concentramento nazisti per aver collaborato con la resistenza antifascista slovena. Come raccontare l’orrore a chi non l’ha vissuto? “Tentando di narrare i fatti – spiega Pahor – con lucidità e senza sentimentalismo e mettendo l’accento sulla capacità di resistenza e di solidarietà dell’uomo”.

Su “Necropoli” è uscito questo bell’articolo di Paolo Rumiz su “Repubblica”

Claudio Magris ha invece scritto l’introduzione al volume (leggi)