Il Senato in buone mani

Certo non si può dire che la seconda carica dello Stato italiano non sia in buone mani. Negli anni ’80 Renato Schifani è stato socio del futuro boss di Villabate Antonino Mandalà (8 anni in primo grado per associazione mafiosa) e dell’imprenditore Benny D’Agostino (condannato per concorso esterno in associazione mafiosa) nella società di brokeraggio Sicula Brokers. Quelli di Mandalà e D’Agostino sono nomi che a Palermo indicano quella zona grigia in cui impresa, politica e mafia si confondono.
Politico di scuola democristiana, Schifani è stato eletto nel collegio di Corleone, cuore di quella Sicilia che ha dato il cento per cento degli eletti a Forza Italia. Qualche anno prima di diventare presidente del Senato, Schifani si segnala anche per aver firmato il lodo che porta il suo nome e che prevedeva l’immunità e la sospensione dei processi in corso per le cinque più alte cariche dello Stato. Quasi un atto premonitore. Peccato che la Corte costituzionale l’abbia bocciato nel gennaio 2004.

2 commenti su “Il Senato in buone mani”

  1. …..” Mendolia..Ha detto cose da far rizzare i capelli:che la mafia esiste,che è una potente organizzazione,che controlla tutto:pecore,ortaggi,lavori publici e vasi greci….Madico:perdio,un pò di serietà..Voi ci credete alla mafia?”
    “Ecco..”
    “E voi?”
    “Non ci credo”
    Bravissimo.Noi due,siciliani,alla mafia non ci crediamo:questo,a voi che a quanto pare ci credete,dovrebbe dire qualcosa.Ma vi capisco:Col tempo vi convincerete che è tutta una montatura.Ma intanto, per carità,seguite attentamente le indagini di questo Bellodi…E voi che alla mafia non ci credete,cercate di fare qualcosa,mandate qualcuni che sappia fare,che non pianti una grana con Bellodi,ma che….Ima summis mutare:capite il latino? non quello d’Orazio:il mio voglio dire.”
    Da Il giorno della civetta di L.Sciascia
    Lo ha scritto nel 1961.
    Graziella

  2. E’ l’Italia intera ad essere in buone mani.
    In alcune ci sono anche i fucili.
    Ancora Sciascia parlava di “sicilianizzazione” del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.