Stanno per cadere i muri di Belfast?

100_0446.jpg

Chiunque abbia visitato Belfast in tempi recenti non può non essersi imbattuto nella cosiddette “peacelines”, denominazione eufemistica e involontariamente ironica per definire le terrificanti barriere di cemento e lamiera che continuano a dividere i quartieri cattolico-nazionalisti da quelli unionisti-protestanti). Dieci anni dopo la firma dell’Accordo che ha concluso il conflitto, pur di fronte a una pace effettiva ed ‘esemplare’, la città continua a essere divisa da una quarantina di questi veri e propri “muri”, indispensabili per evitare violenze tra le due comunità (lanci di sassi e bottiglie incendiarie sono tuttora all’ordine del giorno).100_0448.jpg

Il primo fu eretto nel 1969, l’ultimo appena questa estate per proteggere la scuola elementare mista di Hazelwood. Secondo politici, amministratori locali e vari opinion leader la popolazione continuerebbe a volerli per motivi di sicurezza. Eppure alcune settimane fa un sondaggio indipendente effettuato da un’organizzazione di irlandesi d’America ha ribaltato completamente questa convenzione: l’80% degli intervistati dice che è l’ora di eliminare gli ultimi muri che ostacolano la pace. Dimostrando che forse sono proprio queste barriere fisiche e culturali a inibire l’integrazione.


Un commento su “Stanno per cadere i muri di Belfast?”

  1. Ciao

    E’ vero esistono ancora queste “barriere fisiche”che delimitano i quartieri ed è altrettanto vero che gli stessi abitanti vorrebbero che fossero eliminati.Se cammini per le vie delle falls ti accorgi che si respira un’aria di maggiore tranquillità rispetto ad alcuni anni fa e che la gente costruisce ponti di speranza e dialogo perchè inizia a credere che ci sarà un futuro migliore.Questo processo di pace è iniziato e continua proprio perchè la maggioranza della “gente comune”che vivono a Belfast e in altre città dell’irlanda del nord lo hanno voluto fortemente. E forse i muri rimangono perchè è la “vecchia classe politica inglese “che non vuole abbatterli.Per gli inglesi essi sono il simbolo della ancora attuale necessità di mantenere il controllo sul popolo irlandese
    Graziella

Rispondi a Graziella Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.