Yoani, prigioniera del regime cubano

(di Giovanni De Mauro)*

“Me negaron otra vez el permiso de salida”. Non la fanno uscire da Cuba. Era già successo a maggio, quando doveva andare a Madrid per ritirare un premio di giornalismo del quotidiano spagnolo El País. Yoani Sánchez non potrà venire a Ferrara per il nostro festival di Internazionale. Perché a Cuba se vuoi uscire devi chiedere il permesso. Naturalmente sapevamo che c’era questo rischio, ma fino all’ultimo Yoani ha sperato che davvero qualcosa stesse cambiando all’Avana. Negarle la possibilità di lasciare l’isola è soprattutto un segnale lanciato all’interno, alla nuova generazione di dissidenti: scrivete, scrivete pure i vostri blog, ma alla fine siamo sempre noi a decidere della vostra libertà di movimento. Una forma di coercizione insopportabile, che nessuno tra i tanti amici europei del regime di Castro sarebbe disposto – giustamente – a tollerare per se stesso. Ma in un modo o nell’altro Yoani a Ferrara ci sarà. Sì che ci sarà.

* (da Internazionale)

14 commenti su “Yoani, prigioniera del regime cubano”

  1. A volte, sulla rete, si può leggere la seguente frase: Yoani Sanchez sfonda il filtro della censura e diventa il simbolo di … Cuba
    Tante persone ormai leggono quello che scrive però poche sanno chi è veramente…. Cercherò di fare un breve riassunto della “ povera ragazza” oscurata dal regime ed impossibilitata ( ho già spiegato in un precedente post i veri motivi mai da lei smentiti pubblicamente) ad uscire dall’ isola.
    La ragazza dopo essersi sposata con Reinaldo Escobar un altro “ragazzo” di 30 più anziano, vecchia conoscenza della seguridad del estado e che sembra suo nonno!! (famoso provocatore e diffamatore del ((??”regime”??)) legato da anni ai piccoli gruppetti di controrivoluzionari da 4 soldi) decide nel 2002 di trasferirsi in Svizzera per essere “ addestrata”…..
    Torna a Cuba nel 2004, e dominando perfettamente l’ accesso alla rete comicia , poco a poco, a farsi conoscere da tutti…..

    Però, per conoscerla meglio bisogna anche leggere qui sotto:

    Dice un viejo refrán popular “dime con quién andas y te diré quién eres”, lo cual es factible de aplicar a la bloguera cubana Yoanis Sánchez, quien vuelve a ocupar titulares en el diario español El País a propósito de la 64 Asamblea General de la Sociedad Interamericana de Prensa (SIP), que por estos días sesiona en un lujoso hotel de la capital ibérica.
    La autora de Generación Y envió a la conferencia un video donde una vez más desvirtúa la realidad informativa de Cuba y se forma con los detractores de la Revolución.
    Galardonada con el premio Ortega y Gasset de Periodismo, en una operación financiada y manipulada por el agente de la CIA y prófugo de la justicia cubana, Carlos Alberto Montaner,

    http://cubainforma.interfree.it/200…mo/montaner.htm

    http://www.commondreams.org/headlines06/0908-12.htm

    la filóloga llegó a la reunión de la prensa derechista mediante un video, donde una vez más arremete contra Cuba.
    Según El País, Yoani Sánchez “transmitió su mensaje a través de la red, el instrumento con el que ha conseguido en los últimos años burlar la censura cubana”, para después insertar algunas de las falacias con que infecta la red de redes.
    En la cinta la bloguera asegura que “Internet es muy corrosivo para el monopolio informativo que tiene el Gobierno cubano”, mientras más adelante asegura que a través de Internet “hemos conocido cosas ocurridas en estos 50 años al lado nuestro de las que no nos habíamos enterado (…), hemos recuperado pasajes de la Historia que habían estado velados por la prensa oficialista”.
    Larga es la lista de ataques contra la verdad que vive el pueblo cubano protagonizada por Yoanis Sánchez, la cual se ha convertido en “la niña mimada” de la prensa reaccionaria, la que no le ahorra elogios, mientras la promueve como la revelación del “nuevo periodismo” cubano.
    La reunión de la SIP en Madrid no podía hacer menos en ese esfuerzo de marketing de su “pluma estrella en La Habana”, guiño que le llegó a través de Jean-Francois Fogel, consejero internacional del diario francés “Le Monde” y moderador del seminario en el que se incluyó la intervención de Yoanis Sánchez. En una mentira deliberada, este aseguró que Generación Y recibe “entre 8 y 10 millones de visitas por semana”, estadísticas que muchos contadores que registran el tráfico de la red desmienten de manera apabullante.
    A modo de despedida, la nueva voz de la contrarrevolución cubana, aseguró ante los delegados de la SIP que el gobierno de la isla “ha creado unas brigadas de respuesta cibernética”, que se dedican a “boicotear sistemáticamente y a difamar” a personas como ella.

    AMISTADES PELIGROSAS

    Por mucho que traten de ocultarlo, la existencia de Generación Y se inserta en la estrategia de ataque a la Revolución cubana promovida por los círculos más retrógrados de Occidente. Con ese fin fue galardonada con el premio Ortega y Gasset de Periodismo, que financia el Grupo Prisa y que es respaldado con un jugoso cheque, el cual se asegura por algunos blogueros es objeto de litigio entre la bloguera habanera y un cubano radicado en España, que recogió por ella el galardón.
    Varias denuncias publicadas en la Internet vinculan a Yoanis Sánchez con el contrarrevolucionario y agente de la CIA, Carlos Alberto Montaner, quien por órdenes de esa desprestigiada agencia realiza acciones subversivas contra Cuba en España, mientras en una posición de supuesto intelectual, orquesta campañas y mentiras en la prensa contra la Patria de José Martí.
    En su tortuoso camino, semanas atrás, el sitio de Yoanis Sánchez se hizo eco de la campaña de descrédito contra La Habana, cuando autoridades policiales actuaron contra un rockero de una banda musical, denunciada por los vecinos por sus alteraciones al orden público y comportamientos anómalos, caso alrededor del cual se trato de montar una historia de “derechos humanos y libertades públicas” y que resultó frustrada cuando el músico solo fue penalizado con una multa.
    No sólo Yoani Sánchez escribió sobre ese asunto, sino que se presentó a la sala del juicio acompañada de Elizardo Sánchez, conocido cabecilla contrarrevolucionario y mercenario al servicio de los Estados Unidos.
    Ahora el nombre de Yoani Sánchez aparece junto a la SIP, organización critica de los procesos revolucionarios de América Latina, mientras calla las violaciones a la práctica periodística en Estados Unidos, donde la ley mordaza asume las más variadas formas.
    Fundada a la medida en interés de los Estados Unidos, la Sociedad Interamericana de Prensa (SIP) es una organización que reúne a los grandes dueños de periódicos de ese país y de América Latina.
    Según el periodista chileno Ernesto Carmona, la SIP es el instrumento de control y manipulación aplicado por el imperio en el campo de la prensa. En este sentido el investigador señala que “los diarios estadounidenses que manejan a la SIP, con la aquiescencia de los dueños de periódicos latinoamericanos, no son más que otra expresión ideológica del poder imperial y de la fuerza totalitaria del dinero. Nadie elige a este poder virtual que cada día se esmera en torcer la realidad, decidiendo qué es o no es «noticia» y tergiversando los acontecimientos inconvenientes para el imperio y las clases dominantes de los países sometidos.
    Los amos de la prensa tienen también la prerrogativa de establecer cuáles hechos deben ocultarse al conocimiento de los lectores, para manipular mejor las opiniones políticas de los ciudadanos, y sin olvidarse de entregar cotidianamente una orientación de coyuntura a las clases políticas y propietarias que detentan todos los poderes reales en la región, desde el poder político y militar del Estado hasta el económico.
    Y no es casual que en las páginas editoriales y des-informativas de los grandes rotativos estadounidenses y latinoamericanos aparezcan como malvados los gobiernos de los países cuyos pueblos decidieron desobedecer al imperio, en una rebeldía que presenta diversos matices, que van desde la insumisión de Cuba y Venezuela, al desacato de Bolivia, Nicaragua y Ecuador, más la trasgresión de Argentina, Brasil, Panamá y de otros países con sus propios matices.
    Con estas credenciales la SIP, que por estos días revisa y alista sus métodos de control y subversión de la prensa, acogió el mensaje llegado de Generación Y, lo que nos remite de nuevo al refranero con aquello que sentencia la sabia popular “de tal palo, tal astilla”.

    http://www.cubaperiodistas.cu/notic…re08/07/02.html

    A propósito di “amicizie pericolose” a domanda responde, La “vergine Pulzella”:

    ….- Le chiedo un’opinione diretta su alcune delle personalità più note del dissenso cubano….

    – «Conosciamo tutti; non ci sentiamo completamente rappresentati da alcuno. Oswaldo Payá, ad esempio, è una persona giustamente stimatissima, ma è molto legato alla Chiesa cattolica. È contrario all’aborto! Martha Beatriz Roque è vicina a Bush: il suo discorso non è per l’armonia, ma per il confronto. La rispettiamo molto, ma non ci iscriveremmo a un suo partito. Vladimiro Roca è stato il fondatore della socialdemocrazia a Cuba, ma sembra che scriva più per se stesso. In ogni caso, non scriverò mai contro queste persone, perché abbiamo tanto da scrivere contro il governo… Condividiamo molto con Dagoberto Valdés, che vive a Pinar del Río. Dopo avere diretto la rivista cattolica “Vitral”, ora è direttore di “Convivencia” (in Internet su http://www.convivenciacuba.es/); è uno dei pilastri della società civile cubana. In generale, però, mi sorprende molto il consenso che sto ricevendo da tanti ambienti, dai socialdemocratici alla gente di Chiesa».

    Non perdo eventuale tempo a spiegare chi sono i menzionati personaggi…..Gli interessati potranno fare una ricerca con Google sopratutto di quella “signora” che Lei rispetta molto: Martha Beatriz Roque!

    A proposito dei soldi del premio non ritirati…(questo è vero… ma non perché non li abbia voluti!!)…Però è altrettanto vero che sono 15 anni che lei ed il marito sono fotografati dalla seguridad cubana quando vanno a ritirare la busta che arriva da Miami!!!

  2. Scritto da un leccapiedi della dittatura come il Sampietri questo atto di accusa su Yoanie e’ una barzelletta.
    Che vergogna un italiano che si mette a pecora della dittatura in cambio della vita che gli permette il Kagastro

    Leggete Sampietri sui vari forum di Cuba e vedrete che tipo di personaggio e’
    Lavora per il regime, tratta i cubani come animali
    e si vanta di far parte dell oligarchia cubana.

    Che personaggio abbietto

    1. Sampietri chi? Quello che si firma Seba in alcuni forum? E’ un personaggio oltremodo rivoltante, dice di fare l’agente segreto per conto dell’intelligence cubana ma vi rendete conto? E’ davvero l’imbecille del giorno, come si fa a dire certe cazzate? Come se gli agenti segreti lo vanno in giro a dire ai quattro venti, davvero un pagliaccio!

  3. Direi che la verità sta nel mezzo, d’altronde sarebbe ora dopo 50 anni che gli USA e Cuba si mettano ad un tavolo a discutere.

  4. Non ci vuole molto per capire che la Yoany Sanchez è una reazionaria da 4 soldi, i suoi argomenti sono facilmente rovesciabili: Cuba è un paese che resiste con molte difficoltà all’embargo imposto dall’imperialismo Usa, Cuba è l’unico paese in tutto il sudamerica dove la gente non muore di fame, dove tutti hanno un istruzione di ottimo livello e dove tutti hanno accesso ai servizi sanitari (esportati pure fuori dai suoi stessi confini), la situazione di Cuba se rapportata a quella di tutto il sud america è la dimostrazione vivente che il peggior socialismo è di gran lunga migliore di quasiasi regime capitalista che affama la sua gente, se ne facciano una ragione i trotzkysti della rivista Internazionale, o forse vogliamo credere alla favoletta della democrazia borghese e delle libere elezioni, in Italia adesso abbiamo al governo un criminale mafioso supportato da fascisti e xenofobi della peggiore specie, abbiamo avuto 50 anni di dittatura democristiana che nei momenti di conflitto utilizzava i peggiori fascisti per mettere le bombe e fare strategia della tensione in ogni dove (Piazza Fontana e Bologna sono l’esempio di democrazia più alto che questo paese puo permettersi di dare a Cuba?) W Cuba libera, W Fidel! W Raul! Morte ai traditori della rivoluzione!

    1. Sono nato e visuto a Cuba…..33 anni sotto la fame e il maltratamento ….ma tu che ne sai di cuba e i cubani per parlare cosi bene? .Io vorrei vedere se tolgono il famoso inbargo o Bloqueo ..con quale soldi comprerà cuba i prodotti “Americani” che tanto piace ai veri “comunisti come te”. Saludos. El Guajiro

      1. apagon….apagon…apagon…sono settimane che in cuba è tornato …(perchè quando era finito???) “el periodo espacial”…. gente di mmmerda come EL SEBA sempre si nasconde dietro a un dito…oggi ti dice che il regime …”non esiste”…mentre ieri…e lo si puo trovare su internet…si dichiarava anticastrista….Io l’ho incontrato, conosciuto, il Seba,…non castro (la minuscola voluta)… e vi assicuro che è un poveretto che racconta balle ai turisti…si atteggia…dichiara…ma non è 007…James Bond era di tutt’altra pasta….Purtroppo ci sono troppe persone che si approvittano del regime cubano…D’altro canto si sa che una buona parte del trafffico di stupefacenti destinato agli USA viene negoziato prorpio nella Santa Habana….e chi meglio di un ex (?) trafficante puo rifugiarsi a cuba come spia…ma spia non come lo definisce lo Zingarelli ma piuttosto come spia cubana…ovvero chivato…uno che è disposto a vendere il suo vicino di casa x gusto… o un amico…o…………sua madre….
        Sampietri non vali quasi piu nulla e il regime sta x finire…
        LIBERTA AL POPOLO CUBANO.

    2. Ma tu sei davvero una persona in carne e ossa?
      Sei l’equivalente di un traduttore simultaneo su internet: un insieme di parole (luoghi comuni) attaccate con il niente.
      le tue sciocchezze mi hanno fatto perdere gli anni migliori della mia vita e sopratutto la capacità di guardare la realtà senza i filtri che idioti hanno creato.
      Per finire, lascia che siano i Cubani a giudicare la loro situazione.

  5. Il sig. Sampietri parla di fare una ricerca su google con i nomi di cui scrive. Provate a farne una con il suo, sebastiano sampietri…

  6. Il signor Pedro e il signor Giuseppe, con molta probabilità, a casa loro hanno rotto tutti gli specchi…
    Guardiamoci intorno e diciamoci di quale democrazia vogliamo parlare:
    – di quella del “libero mercato”, che permette alle aziende di andare a produrre dove a loro più conviene, che lascia che siano l’economia e la finanza a guidare “liberamente” e “naturalmente” il destino di una nazione?
    – di quella dei “liberi” Paesi dell’Occidente che “insegnano” la democrazia e, incidentalmente, già che ci sono, “curano” i propri interessi ingerendo negli affari di altri Paesi per il proprio tornaconto economico?
    – di un “grande Paese” che sceglie “democraticamente” e “liberamente” il suo rappresentante che in campagna elettorale ha speso nove milioni di dollari?
    – di quella dei Paesi “civili” che combattono il terrorismo e lo propugnano dovunque, a partire da quello mediatico?
    – di una classe politica che si trastulla alla faccia del “popolo” che l’ha eletta?
    – di un Paese dove ognuno possa decidere la scuola più adatta ai figli oppure dove farsi curare, così da stabilire “livelli” di istruzione e sanità “adeguati” al reddito, secondo la più “sana” democrazia?
    – di un Paese dove si inveisce contro uno Stato che soffoca e opprime, salvo poi invocarne l’assenza quando la “libera” democrazia e il “libero mercato” causano disastri ecologici o finanziari?
    Azzeriamo l’ipocrisia e facciamo qualche paragone più obiettivo.
    Dopo, solo dopo, diciamo di quale democrazia vogliamo parlare…
    Credo che tutti possiamo essere d’accordo sul fatto che anche la migliore democrazia deve farsi un bell’esame di coscienza, dunque perché non si accetta l’idea che anche un Paese come Cuba possa avere le sue contraddizioni, considerando che comunque, innegabilmente, gioca con un handicap che lo esclude dal “libero mercato”?
    O c’è dell’altro?
    Per quando riguarda il pensiero di molti “liberi” cittadini, mi sorge il sospetto che Cuba rappresenti una “nota stonata” nell’ordine e nella “pulizia” del Pianeta e che si tratti semplicemente dell’incapacità di accettare la sovranità di un Paese…
    Per quanto riguarda invece gli interessi delle “democrazie” Occidentali, invece, ne ho la certezza…

  7. Il seba in realtà fa il tassista degli arbitri, io l’ho conosciuto. Non è che ci sia molto da dire, visto dal vivo è un personaggio triste, dimenticatevi la spocchia con cui interagisce con l’altrui sui forum.
    Un poveraccio che vive a Cuba perché cacciato da ogni dove, si arrabatta come può e punta al grano della vecchia zia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.