Archivi categoria: Uncategorized

Ciao Enzo

Firenze piange don Mazzi, il parroco del dissenso, animatore per quattro decenni della Comunità dell’Isolotto, uno dei grandi quartieri popolari fiorentini. Era l’ultimo erede di una corrente di pensiero che ha annoverato laici e religiosi come Giorgio La Pira, Ernesto Balducci e Lorenzo Milani, era stato tra gli animatori del cattolicesimo di base degli anni ’60.
La Comunità abolì la separazione fra ricchi e poveri, clero e laici: in canonica furono alloggiati tre nuclei familiari, ex carcerati, disabili. La Comunità solidarizzava con quell’area cattolica che non si riconosceva più nella Dc. Don Mazzi contribuì a realizzare dentro la canonica un asilo, una piccola fabbrica, un laboratorio per invalidi. Le sue posizioni erano sempre più in contrasto con la curia fino ad arrivare allo scontro dell’autunno del 1968 quando un’assemblea della Comunità richiamò 10mila persone e la vicenda divenne un caso internazionale. Il cardinale Ermenegildo Florit, decise di reprimere duramente il dissenso: intimò a Mazzi e ai suoi collaboratori di lasciare la chiesa sostituendolo con un nuovo parroco. Cinque sacerdoti e tre laici furono incriminati dalla magistratura.

[youtube=http://youtu.be/GuhrAyL3ws4]

La prima candelina

Oggi questo blog compie un anno. Per abitudine e per semplicità ci piace continuare a chiamarlo così, anche se di fatto non è mai diventato un blog nel senso letterale del termine, rimanendo un piccolo spazio di informazione autopensato e autoprodotto. Ciononostante, i contatti continuano a crescere in modo abbastanza significativo per un sito completamente artigianale: nel gennaio scorso ha superato i 3.000 contatti mensili e in un anno gli accessi sono stati in media circa 65 al giorno. Un ringraziamento è doveroso nei confronti di chi in questo primo anno di vita di “Memoriastorica” è tornato più volte su queste pagine, ha lasciato commenti, o chi ha inviato contributi scritti. E a tutti quelli che in generale hanno ritenuto questo spazio interessante, magari anche non condividendo l’impostazione politica e le idee del suo autore.

Ma l’istigazione a deliquere non era reato?

L’istigazione a deliquere, nonché quella a disobbedire alle leggi di ordine pubblico, è un reato secondo il codice penale italiano. Per tutti, ma non per Francesco Cossiga, che ha lanciato la sua personalissima ricetta per ‘risolvere’ in salsa cilena la protesta studentesca attualmente in corso. E’ difficile leggere l‘intervista rilasciata qualche giorno fa a uno dei principali quotidiani italiani senza trasalire. Alla domanda di un imbarazzato cronista, l’ex presidente della Repubblica ha spiegato che

“gli universitari bisogna lasciarli fare. Ritirare le forze di polizia dalle strade e dalle università, infiltrare il movimento con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città (…) Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto di polizia e carabinieri. Nel senso che le forze dell`ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare anche quei docenti che li fomentano“.

Praticamente: quello che è stato fatto con grande successo a Genova nel luglio 2001. Il delirio di Cossiga potrebbe essere considerato uno scherzo, o una boutade, se non fosse stato pronunciato da un ex inquilino del Quirinale, con trascorsi anche da ministro degli Interni (ai tempi del rapimento Moro). Forse per loro il codice penale prevede qualche deroga?

Giustizia per la generazione cancellata

(Intervista uscita anche su “Avvenire” di oggi)

Le porte del carcere di Buenos Aires si sono aperte, qualche giorno fa, per l’ex dittatore argentino Jorge Rafael Videla, finalmente riconosciuto colpevole di crimini contro l’umanità. Il capo della giunta militare che tra il 1976 e il 1983 sterminò un’intera generazione – cancellando l’esistenza di circa 30.000 connazionali – sarà ricordato dalla storia come un genocida e, contrariamente a quanto è accaduto a Pinochet, finirà con ogni probabilità i suoi giorni in prigione. La notizia ha fatto il giro del mondo proprio mentre Vera Vigevani Jarach (foto in alto), 80enne italo-argentina storica esponente delle “Madri di Plaza de Mayo”, iniziava un lungo viaggio che la porterà in molte città italiane per tramandare la memoria dei “desaparecidos”. Vera è la madre di Franca Jarach (foto sotto), fatta sparire dai militari nel 1976 a soli diciott’anni. Della ragazza non si è saputo più niente fino a qualche anno fa, quando un superstite dei campi di concentramento del regime ha raccontato che appena un mese dopo il sequestro i militari costrinsero Franca al cosiddetto “volo”, gettandola ancora viva nell’Oceano, dopo atroci torture. Da oltre trent’anni Vera Vigevani lotta per la verità e per tenere viva la memoria di un’intera generazione che è stata spazzata via. Alcuni giorni fa è stata a Venezia dove ha partecipato alla cerimonia d’intitolazione di una parte del “Bosco di Mestre” alla memoria di sua figlia. “Ho sempre chiesto – spiega – che giardini e piante, simbolo di vita, fossero dedicati al ricordo di tutti i ragazzi e le ragazze fatti sparire dalla dittatura”. Continua…

Sarajevo festeggia l’arresto di Karadzic

Chi c’era la descrive come qualcosa di molto simile ai festeggiamenti visti nelle città italiane per la vittoria dei mondiali di due anni fa. Invece era una sorta di ‘urlo’, catartico e liberatorio, di una città che ha vissuto tre anni e mezzo d’assedio, con circa 12000 morti, di cui 1500 bambini. Poco più di un decennio fa, dall’aprile 1992 al novembre 1995. La notizia dell’arresto di Radovan Karadzic si è diffusa come un lampo la notte scorsa a Sarajevo e centinaia di persone sono scese per strada a festeggiare con i clacson delle auto e i petardi. Gioia mista a tratti mista a incredulità: la radio e la televisione hanno trasmesso per ore i discorsi pronunciati da Karadzic durante la guerra, quando da leader dei serbo-bosniaci ordinava alle artiglierie di aprire il fuoco contro io quartieri della città.

Grande felicità hanno manifestato anche le donne dell’associazione della madri di Srebrenica, le mogli, madri e figlie degli 8000 uomini uccisi nel 1995 a Srebrenica. Negli ultimi tredici anni non avevano mai smesso di manifestare in piazza, l’11 di ogni mese, portando le fotografie e i nomi ricamati dei loro congiunti, chiedendo l’arresto di Karadzic e dell’allora comandante militare Ratko Mladic.