Archivi categoria: Morti

Giorno della Memoria, ecco lo speciale “Diario” del 2009

memoria09È uscito oggi il numero di “Diario” dedicato al Giorno della Memoria. Una consuetudine preziosa che si rinnova ormai da alcuni anni. Centocinquanta pagine da leggere e ricordare, possibilmente anche da diffondere, soprattutto tra i più giovani. Chi scrive vi ha contribuito con il pezzo dal titolo “In lutto contro Hitler e Videla”.

Helen, che lottò sola contro l’apartheid

Helen Suzman odiava i soprusi e amava la giustizia. Per questo l’ex deputata sudafricana morta qualche giorno fa a 91 anni fu a lungo l’unico membro del parlamento ad opporsi al regime dell’apartheid. Due volte candidata al Nobel per la pace, molto vicina a Nelson Mandela, Helen fu l’unico esponente politico, da quando il parlamento sudafricano fu istituito nel 1910, ad essere eletta in una circoscrizione bianca sulla base di un programma contro la discriminazione razziale. E dal 1961 al 1974 fu l’unica rappresentante del partito progressista in parlamento a non sostenere il regime segregazionista. I suoi ripetuti attacchi contro il sistema le valsero il soprannome di “gattina cattiva” da parte dell’allora premier PW Botha, e la sua vicinanza a Nelson Mandela ne suscitò l’ira.
Oggi sono proprio le immagini con Mandela a mettere in luce il lato più umano della Suzman accanto a quello più noto della pasionaria anti-apartheid che combatte imperterrita, anche in tempi in cui sembrava fosse una lotta contro i mulini a vento. Dovette guadagnarsi tutto con la tenacia, anche il rispetto dei connazionali neri, gli stessi ai quali dedicò la sua vita politica. La guardavano con sospetto, fino a quando non cominciò a visitare regolarmente in prigione Nelson Mandela, che scontava una condanna all’ergastolo. Ricordando la prima visita della Suzman alla sezione B della prigione di Robben Island nel ’67, Mandela ha detto: ”Era strano e meraviglioso allo stesso tempo vedere questa donna coraggiosa fare capolino nelle nostre celle e aggirarsi nel cortile”. Quasi tre decenni più tardi, nel 1994, Mandela, eletto primo presidente nero del Sudafrica, all’ex deputata conferì la medaglia d’oro al merito. Helen Suzman si era a quel punto ritirata dalla politica attiva ma con Mandela strinse un lungo e importante rapporto di amicizia durato fino alla morte, avvenuta nella sua casa di Johannesburg. Vincitrice di numerosi riconoscimenti nel campo della difesa dei diritti umani, Helen Suzman ha contribuito a cambiare il suo Paese, oggi tuttavia ancora piagato dalla povertà di molti, dal crimine, dall’Aids.
RM

Slán, Ronnie

Era l’ultimo dei menestrelli che hanno contribuito a rendere immortale la musica irlandese. Inconfondibile era la sua voce profonda e rotta dal whisky, “genuina segatura irlandese”. Ronnie Drew, morto due giorni fa dopo una lunga malattia all’età di 73 anni, non era noto solo per essere il fondatore del gruppo folk Dubliners, ma anche per un’intensa attività solista che lo aveva visto collaborare a lungo con un numero indefinito di artisti irlandesi e internazionali. Nel 1962 aveva fondato “The Ronnie Drew Group”, divenuti in seguito famosi in tutto il mondo come The Dubliners: la loro carriera iniziò all’O’Donoghues, storico pub del centro di Dublino. Oltre ai numerosi album con il gruppo, ha pubblicato molti lavori solisti, fra cui “Dirty rotten shame”, un album con canzoni scritte appositamente per lui da Bono, Elvis Costello e Shane McGowan dei Pogues. Dieci anni fa era passato, quasi inosservato, anche dalle nostre parti. Lo ricordiamo con nostalgia in una sera di fine estate del 1998, mentre canta in un concerto per pochi intimi in un circolo immerso nelle vigne del Chianti, vicino a Montespertoli, alla periferia di Firenze. In quell’occasione Ronnie deliziò una scarsa ma appassionata platea insieme alla cornamusa di Joe McHugh e al pianista fiorentino Antonio Breschi.
RM