Il popolo di Derry marcia ancora per la giustizia

Ancora in marcia, dalle alture di Creggan fino al Bogside, per ottenere quella giustizia che viene negata da 41 anni. Domenica 27 gennaio il popolo di Derry, memore della storica esperienza di Derry Libera della fine degli anni ’60, scenderà nelle strade e marcerà per i propri diritti da sempre calpestati dalla feroce repressione britannica. Da più di quattro decenni le mura, le case, i vicoli della piccola cittadina gridano tutta la loro rabbia per la paurosa mattanza compiuta dai paracadutisti dell’esercito britannico il 30 gennaio 1972. Fu un’esecuzione cinica, brutale e premeditata che colpì non a caso solo uomini, cittadini di Derry, scesi in strada per manifestare pacificamente. E che divennero vittime della sanguinosa vendetta decisa dalle alte sfere, a Londra, per ‘punire’ la città colpevole di essersi ribellata, qualche anno prima, dichiarando un’autogestione e una ‘liberazione’ che mise in scacco per mesi le autorità coloniali.
Ma dal 2010 qualcosa è cambiato. Le conclusioni dell’inchiesta condotta da lord Saville hanno rappresentato uno storico spartiacque, anche se purtroppo non sono riuscite a consegnare alla storia quella drammatica vicenda. Finalmente un tribunale britannico ha riconosciuto che i quattordici civili uccisi a sangue freddo dai militari di Sua Maestà erano innocenti, che non vi fu alcuno scontro a fuoco al quale i soldati risposero, nessuna battaglia per le strade, solo una vile aggressione contro cittadini inermi. Ma di incriminazioni o processi a carico dei soldati o di chi quel giorno dette l’ordine di sparare, almeno finora, neanche l’ombra. Dopo la pubblicazione del rapporto i familiari delle vittime e la popolazione di Derry, protagonista in questi anni di una memorabile battaglia per avere giustizia, sfogarono una gioia catartica, quasi liberatoria, che scaturiva dalla consapevolezza di aver ottenuto qualcosa di inimmaginabile, fino a qualche anno prima. Il Bloody Sunday Trust, la fondazione dei familiari delle vittime, stabilì che la marcia successiva all’uscita del rapporto, quella del gennaio 2011, sarebbe stata l’ultima. Che da allora in poi la giustizia sarebbe stata richiesta con altri mezzi e altre modalità. Ma la decisione fece discutere fino a spaccare il fronte della storica mobilitazione. Eamonn McCann fu il primo a dare le dimissioni dalla Fondazione, e a prendere le distanze dalle sue decisioni troppo eterodirette. L’anziano scrittore-attivista, da sempre anima di Free Derry, non fece nomi, non prestò il fianco alle polemiche, ma contestò la scelta di non svolgere più la marcia. Ben presto si capì che le decisioni del Bloody Sunday Trust e del Sinn Féin – che da sempre controllava la marcia – non incontravano il favore di tutti i familiari delle vittime. Secondo alcuni di loro interrompere la marcia era ancora prematuro, e per questo decisero di continuarla comunque, per continuare a reclamare quella giustizia che il rapporto Saville aveva decretato solo in minima parte. E l’anno scorso, per il quarantesimo anniversario, organizzarono autonomamente una marcia che portò per le strade della cittadina irlandese oltre cinquemila persone.
L’edizione di quest’anno, fissata per domenica 27 gennaio, vedrà la partecipazione di Bernadette Devlin, il personaggio che più di ogni altro ha legato il suo nome alla battaglia per i diritti civili in Nord Irlanda, a partire dalla fine degli anni ’60. Nel 1972 Bernadette era una studentessa di 25 anni che guidava il movimento: quella fatale domenica di gennaio avrebbe dovuto prendere la parola dal palco, se la manifestazione non fosse stata interrotta prima dal fuoco dei paracadutisti. Ecco cos’ha dichiarato pochi giorni fa, annunciando la sua partecipazione:
“Ho deciso di intervenire alla marcia perché non credo che i veri colpevoli della Bloody Sunday siano stati individuati con l’inchiesta di lord Saville. Credo la responsabilità non sia solo di un gruppo di soldati, ma di tutto il governo britannico. Ho sempre creduto che ci dovesse essere un’inchiesta, e che la Corte di giustizia dell’Aja avrebbe dovuto incriminare qualcuno per quello che accadde. Invece non abbiamo ancora avuto né la verità né la giustizia e finché le cose rimarranno così io continuerò a partecipare a tutte le iniziative che si battono per ottenerle. Credo inoltre nel diritto fondamentale di articolare il dissenso dalle opinioni della maggioranza, un diritto che continua a essere gravemente minacciato oggi in Irlanda del Nord”.
RM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.